Minestrone, la grande zuppa di verdure

„Se vuoi diventare grande, devi mangiare la zuppa!” Quante volte nella nostra infanzia abbiamo sentito questa frase? Era il motto principale delle nostre madri e nonne, e poi di conseguenza abbiamo creduto anche noi, che senza la minestra, zuppa o brodo non si può in alcun modo crescere un bambino sano. Non voglio sottovalutare o sminuire l’importanza di piatti liquidi, soprattutto perché sono molto popolari nella alimentazione di stile slavo. Se le zuppe fossero rimossi dalla nostra dieta, il menù sarebbe diventato notevolmente meno vario. Ma in Italia, mi sono resa conto che la dieta mediterranea interpreta i primi piatti molto più liberamente e prevede, che non devono necessariamente essere liquidi. Dopo tutto, il fabbisogno di fibre vegetali si copre anche con i contorni e l’acqua sul tavolo degli italiani non manca mai. Fin dalla prima infanzia loro prendono la sana abitudine di bere durante tutto il pasto dal inizio alla fine, persino prima di prendere un caffè molti bevono un sorso d’acqua.

Pertanto, anche in Italia le zuppe e minestre occupano un posto molto importante nel menu. Ogni regione ha le sue tipiche ricette, ma la più diffusa di tutte, forse, il minestrone, che viene cucinato quasi ovunque. Anche il nome suggerisce che questa non è una zuppa semplice, bensì qualcosa di più serio. Se conoscete italiano, probabilmente avete notato che la desinenza “-one” indica qualcosa di grande, più del normale. Per questo il minestrone si può definire come una grande zuppa di verdure. Considerando i numerosi componenti, questo è più che giustificato. Le verdure più usate sono: cipolle, carote, sedano, patate, fagioli, pomodori. L’altri ingredienti  possono variare a seconda della stagione, delle tradizioni regionali e del gusto personale.

Allora, la nostra grande zuppa includerà (4 porzioni):

  • 1 cipolla
  • 1 carota
  • 1 gambo di sedano
  • 1-2 pezzettini di peperoncino piccante (opzionale)
  • 200 g di pomodoro (fresco o in scatola)
  • 3-4 patate medie
  • 300-400 g di fagioli lessі (o in scatola)
  • 2 zucchine piccole 
  • 200 g di piselli verdi (anche surgelati)
  • 200 g di fagiolini (anche surgelati)
  • 2-3 pezzi di crosta del parmigiano
  • 200 g di pasta o riso (opzionale)
  • prezzemolo, maggiorana, basilico
  • olio d’oliva, sale, pepe

Iniziamo dal soffritto. In una capiente pentola mettete l’olio d’oliva, la cipolla , carota e il sedano sminuzzati (1) e il peperoncino (se lo usate). Aggiungete la polpa di pomodoro (2), un po ‘d’acqua e lasciate cuocere per 5-7 minuti (3).

Nel frattempo, pulite, lavate e tagliate a pezzetti le patate e zucchine. Nella pentola con il soffitto aggiungete piselli, fagiolini e dadolata di patate e zucchine. Versate l’acqua in modo da coprire le verdure (4). Se avete fagioli  freschi o surgelati, potete mettere anche loro in questa fase, quelli lessi o in scatola meglio metterle più avanti. Non appena il minestrone riprende a bollire, mettete le croste pulite di parmigiano (5), salate e cuocete a fuoco medio. Quando mancano 5-10 minuti alla fine di cottura aggiungete prezzemolo, maggiorana e basilico. Nel minestrone pronto le verdure dovrebbero risultare leggermente sfatte, dando al piatto una certa densità e consistenza (6). 

A seconda della stagione, si possono aggiungere altre verdure al minestrone. In inverno è opportuno mettere cavolo, broccoli, porri, in primavera– asparagi, fagioli e finocchi. Nel minestrone estivo è meglio aumentare verdure a foglia verde (bietole lattuga), in autunno – sostituire le zucchine con la zucca. Il minestrone può essere arricchito con riso o pasta corta, che si mettono alla fine (il tempo di cottura richiesto è indicato sulle confezioni). In questo caso, meglio servire minestrone a tavola non appena sarà pronto. Se, invece, lo preparate in anticipo, è meglio non mettere dentro riso o pasta, ma farli cuocere da parte e aggiungere prima di servire, altrimenti assorbiranno tutta la parte liquida del minestrone.

Un buon minestrone si può preparare anche dalle buste di minestrone surgelato. È una buona soluzione perché permette di risparmiare tempo di pulire e tagliare le verdure e permette anche di avere un minestrone altrettanto ricco per ogni stagione. Come cucinarlo? Si parte dallo stesso soffritto con i pomodori, quindi mettiamo la miscela di verdure surgelate, versiamo acqua. Personalmente io, intanto che il minestrone riprende a bollire, aggiungo 1-2 patate a cubetti e un po’ di piselli e fagioli (anch’esse surgelate), poiché la presenza di questi ortaggi nella composizione di zuppe surgelate è generalmente molto piccola. Nel resto ripetiamo tutto, come nella prima versione.

Serviamo il minestrone, cospargendo ogni porzione di parmigiano grattugiato e aggiungendo qualche goccia di buon olio d’oliva. Se volete minestrone più sostanzioso, potete aggiungere al soffritto cubetti di pancetta, ma se preferite rispettare la linea, soffritto potete anche saltare e semplicemente far bollire le verdure e condire minestrone prima di servire con l’olio d’oliva.

Primi piatti

Spaghetti соn tonno – un banchetto per lo studente!
31.08.2018
Riso al latte – un ricordo ritrovato
11.11.2018
Paccheri gratinati al forno con ripieno di ricotta e spinaci.
27.04.2018