Borragine in pastella con acciughe e mozzarella

Mi piace tanto l’epoca, nella quale mi è capitato di vivere. Anzi, mi affascina proprio. Quale altra generazione può vantarsi di aver visto realizzarsi nella vita così tanti sogni d’infanzia? Ci sono tante cose, che adesso per i miei figli sono ovvie e normali, ma soltanto qualche decennio fa erano accessibili solo per pochi o non esistevano. Io sono cresciuta nella casa con unico televisore ed unico apparecchio telefonico, il primo computer ho visto solo in aula universitaria. Chi poteva immaginare, che telefonia mobile (con videochiamate, poi) diventerà una banalità quotidiana? E senza parlare di centinaia di canali televisivi con possibilità di guardare le trasmissioni preferite nei orari prescelti!

Noi paghiamo le bollette, facciamo spesa, leggiamo libri, guardiamo film appena usciti, studiamo e ci divertiamo grazie internet. Anche il fatto che ognuno, come me, può condividere con tutti propri pensieri e passioni, fa parte di questa nuova realtà. Ma, allo stesso tempo, capita spesso, che le cose semplici e genuine si allontanano sempre di più per scomparire poi del tutto. A volte basta uno sguardo acuto per fissare e condividere (anche con i mezzi tecnologici) con gli altri ciò, che pazientemente aspetta la nostra attenzione. Io ho avuto il privilegio di conoscere tante persone, che ricordano piatti di una volta nella loro forma primaria. Per fortuna, non sono unica, tanta gente cerca e popolarizza le ricette antiche e questo ci dà la possibilità di confrontare varie versioni di questi piatti.

Vorrei presentarvi una di quelle ricette. Si tratta di frittelle di borragine con mozzarella e alici. Questo piatto conoscono in pochi, la borragine molto di rado si può trovare nel commercio, perché raccogliere le erbe spontanee richiede tanto tempo e fatica. Ma per gli appassionati non è un impresa impossibile, borragine cresce dovunque, poco tempo fa io ho acquistato anche semi e adesso la sto coltivando nel vaso sul mio balcone (1). Così ogni tanto riesco a preparare le frittelle di borragine per i miei parenti e amici. Molti di loro non hanno mai assaggiato questa prelibatezza, nonostante che, le frittelle di borragine è un piatto classico della cucina italiana. Era molto diffuso nel Lazio e in alcune località veniva considerato un piatto tradizionale per la Vigilia di Natale insieme ad altre frittelle. E anche accostamento di acciughe salate con mozzarella ormai è diventato un must. Quelli che amano la cucina italiana, conoscono bene i fiori di zucca in pastella con questo o l’altro ripieno, ma oggi vi propongo di preparare la stessa cosa con le foglie di borragine. Provate e poi vedrete che bontà!

Ingredienti (per 4 porzioni):

  • 24 foglie di borragine (relativo, potete prendere tanto, quanto troverete)
  • 250 g di mozzarella
  • 12 filetti di acciughe salate
  • 150 g di farina
  • 200 ml di birra chiara
  • sale

Per fare le frittelle scegliete le foglie più tenere e non danneggiate. Lavatele accuratamente, asciugate su un canovaccio e accoppiate a due a due scegliendo le dimensioni pressapoco uguali (2). Tagliate la mozzarella a pezzi allungati, sgocciolate dall’olio filetti di acciughe. Mettete tra due foglie di borragine un pezzo di mozzarella e filetto di acciuga (3).

Per preparare la pastella in una ciotola setacciate la farina, e poi versate poca alla volta la birra, sbattendo il composto con una forchetta, fino ad ottenere un la consistenza simile allo yogurt (4), salate a piacere. Lasciate riposare la pastella pronta per 30-40 minuti. In una larga padella scaldate olio per friggere. Per sapere, quando è abbastanza caldo, fate cadere dentro una goccia di pastella: se intorno cominciano a formarsi le bollicine, cominciate a friggere. Immergete le foglie con il ripieno nella pastella (5) e poi disponetele nella padella (6). Prestate attenzione perché le foglie e non si spostino e non fuoriesca il ripieno. Dopo con il calore dalla padella la pastella comincerà a solidificarsi, sigillando il ripieno. Fate dorare le frittelle su entrambi i lati è, una volta pronte, disponetele sulla carta da cucina per far togliere il grasso in eccesso.

Poiché il borrago in pastella è particolarmente buono, quando è caldo, cercate di servirlo non appena sarà pronto. Se avete la necessità di aspettare, o state preparando le frittelle per un gran numero di ospiti, metterete il vassoio con i pezzi già pronti in un forno preriscaldato spento. Questo trucchetto vi permetterà di rimandare la portata per 20-30 minuti. A proposito, se le alici salate non vi soddisfano per qualche motivo, potete farcire la borragine come abbiamo fatto nella ricetta di fiori di zucca in pastella con prosciutto e mozzarella o preparare entrambi tipi di frittelle.


Antipasti e salatini

Torta rustica “svuota frigo”
04.01.2019
La torta pasqualina: la ricetta rustica fra l’antico è il moderno
05.04.2020
Tortа salata di salmone affumicato e pomodorini confit
30.11.2019
Crostata alla birra
27.03.2021
“Bouquet fritto” – fiori di zucca in pastella сon mozzarella e prosciutto cotto
26.04.2018